"L'uomo che soffre ci appartiene" (GPII)

 



 

Iscriviti alla newsletter

captcha 

Kosovo 2006 - L'esperienza dell'incontro

Significativo il periodo vissuto a Novo Sell, un piccolo paese kosovaro di tradizione cattolica: l’impegno diventa scambio e arricchimento reciproco.

  La Caritas ha organizzato e finanziato un progetto a Novo Sell, un piccolo paese kosovaro di tradizione cattolica, al fine di promuovere l’emancipazione femminile attraverso lo studio e il lavoro e di introdurre l’idea del gioco come uno dei momenti del processo di crescita. Il progetto è stato preparato tenendo contro dei bisogni espressi dalla comunità locale, grazie a una serie d’incontri avvenuti trai coordinatori italiani e i rappresentati di un’associazione locale istituita allo scopo di promuovere lo sviluppo sociale del paese.

Noi ragazzi del Servizio Civile abbiamo collaborato alla seconda parte del progetto, proponendo attività d’animazione ai bambini.

Che entusiasmo e che partecipazione! Non solo dei bambini affascinati dalla novità delle nostre proposte, ma anche dei giovani che ci hanno aiutato per tutto il periodo di permanenza e che hanno manifestato l’intenzione di proseguire il lavoro anche senza uno di noi.

Si sono realizzate, quindi, quelle condizioni necessarie per uno scambio e arricchimento reciproco, nel senso di una presa di coscienza di modi differenti di percepire e di affrontare la vita e il mondo: noi italiani abbiamo visto una realtà che porta ancora i segni di guerra feroce e ferma su antiche tradizioni e l’emarginazione della popolazione serba, oggetto di un odio ormai sedimentato; abbiamo conosciuto la frustrazione dei giovani, che non vedono possibilità di realizzazione personale in un ambiente bloccato, privo di un’autentica identità nazionale, di possibilità d’espressione autonoma e ancora sotto il controllo militare e politico delle forze internazionali; ma abbiamo anche incontrato l’entusiasmo e la creatività dei bambini e il desiderio dei giovani di fare propri nuovi modelli di comportamento e di vita, abbiamo sentito l’orgoglio kosovaro plasmato sugli eventi della storia recente e abbiamo conosciuto un mondo in cui convivono diverse religioni, cementate da una forte tradizione culturale comune.

La nostra esperienza s’è quindi configurata come un’esperienza dell’incontro o scontro, della comunicazione o incomunicabilità tra i mondi e culture diverse, sia nella presa di coscienza della realtà kosovara, sia nell’impatto di questa con il nostro vissuto personale.

In questo senso s’inserisce a pieno titolo in quello che è stato l’anno di Servizio Civile, come momento in cui abbiamo dovuto fare i conti con la diversità e l’emarginazione: anzianità, tossicodipendenza, bambini stranieri o che vivono situazioni di forte disagio; e inoltre diventa un momento fondamentale di riflessione sul concetto di “carità”, uno dei principi basilari delle religioni storiche, come incondizionato amore verso l’altro, nel totale rispetto della diversità e del diritto ad essa, secondo il vecchio adagio Deus Caritas est.

Il Gruppo cremasco del Servizio Civile Caritas

Torrazzo

30 Settembre 2006

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .

Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento:

  • Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione e migliorare l'esperienza di navigazione dell'Utente;
  • Cookie analytics, che acquisiscono informazioni statistiche sulle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
  • Cookie di funzionalità, anche di terze parti come Google, Facebook, Twitter , Youtube, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.

Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser.

Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito.

Vedi il provvedimento del Garante