"L'uomo che soffre ci appartiene" (GPII)

 



 

Volontariato Abruzzo 2010: informazioni e modalità di partecipazione

Abruzzo 2010 volontariato estivo

Sono aperte le iscrizioni per le settimane di volontariato estivo in abruzzo. A poco più di un anno dal terremoto che ha colpito l'Aquila, Caritas è ancora presente coi i propri operatori con numerosi progetti a favore della popolazione. In particolare la presenza dei volontari è richiesta sul territorio Onna-Paganica e Ocre-Altopiano delle Rocche. Le principali attività saranno quelle di animazione a favore dei bambini e adolescenti, visita e ascolto con le famiglie e gli anziani. Ci saranno anche delle attività manuali rispetto a particolari esigenze di alcune famiglie oltre alla collaborazione per i servizi al campo Caritas. I volontari saranno alloggiati come nell'edizione 2009 a Paganica presso il campo Caritas, gli alloggi saranno nelle tende ed i servizi igienici nei container.

Leggi tutto...

Emergenza Haiti: gli aggiornamenti di Aprile

Dopo oltre tre mesi dal terremoto che il 12 gennaio 2010 ha colpito Haiti, la Caritas intensifica gli interventi. Da febbraio un operatore di Caritas Italiana è presso Caritas Haiti inserito nel team internazionale di coordinamento per la gestione del piano di emergenza. A breve sarà affiancato da un secondo operatore e congiuntamente rivolgeranno la loro attenzione all'accompagnamento di Caritas Haiti nonché all'individuazione di ulteriori ambiti per la pianificazione degli interventi successivi.

Leggi tutto...

Terremoto in Cina: solidarietà da Caritas Italiana

Centinaia sono le vittime, migliaia i feriti del potente terremoto che alle ore 1:49 (ora italiana) di mercoledì 14 aprile 2010 ha colpito la contea di Yushu, provincia di Qinghai nella Cina nordoccidentale.
Caritas Italiana si unisce alla preghiera del Santo Padre e rilancia l'appello alla solidarietà. Immediata l'attivazione, tra molteplici difficoltà, aggravate dalla peculiarità dell'evento. Le informazioni giunte finora parlano di vie di comunicazione interrotte praticamente in tutta l'area.
La situazione è ulteriormente complicata dal fatto che la zona colpita si trova ad un'altitudine di circa 4.000 m. I sopravvissuti sono stati radunati in zone aperte, allo scopo di scongiurare i rischi derivanti dal ripetersi delle scosse. Intenso è il lavoro delle forze armate a supporto della popolazione.
I referenti in loco si stanno mobilitando per intervenire in maniera rapida - per quanto possibile, date le difficili condizioni - a sostegno dei bisogni prioritari delle popolazioni colpite. Sono in corso gli accertamenti e le verifiche necessarie per avviare aiuti d'urgenza, ma soprattutto si potranno poi concordare progetti di riabilitazione.
Caritas Italiana era già intervenuta dopo il terremoto nel Sichuan del maggio 2008, che ha causato più di 70.000 vittime.
Come contribuire
Per contribuire alle attività della Caritas in Cile è possibile recarsi presso la Curia Vescovile in Piazza Duomo, 27 a Crema, oppure effettuando un bonifico bancario con causale “EMERGENZA CINA" sul seguente conto corrente:
Conto Corrente intestato a Diocesi di Crema - Ufficio Caritas IBAN: IT87B03069568410000019600

Centinaia sono le vittime, migliaia i feriti del potente terremoto che alle ore 1:49 (ora italiana) di mercoledì 14 aprile 2010 ha colpito la contea di Yushu, provincia di Qinghai nella Cina nordoccidentale. Caritas Italiana si unisce alla preghiera del Santo Padre e rilancia l'appello alla solidarietà. Immediata l'attivazione, tra molteplici difficoltà, aggravate dalla peculiarità dell'evento.

 

Leggi tutto...

Terremoto in Cile: la Caritas accanto alla popolazione

«Sono sicuro che non verrà a mancare la solidarietà di tanti, in particolare delle organizzazioni ecclesiali».
Con queste parole Benedetto XVI ha sollecitato l'impegno della Chiesa dopo il violento terremoto che sabato 27 febbraio ha colpito il Cile. Solo un mese e mezzo prima, sempre in America Latina, un altro sisma ad Haiti ha causato vittime e danni enormi.
In contatto – sia pure tra comprensibili difficoltà di comunicazione – con la Caritas Cile e in collegamento costante con l'intera rete Caritas, Caritas Italiana - che da anni sostiene la Chiesa locale - ha subito lanciato un appello per contribuire alla realizzazione di un piano d'emergenza e ha messo a disposizione 100.000 euro per i bisogni immediati.
La Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana ha stanziato un milione di euro invitando le comunità ecclesiali a pregare per coloro che sono stati colpiti dal tragico evento e a sostenere le iniziative di solidarietà promosse dalla Caritas italiana con l'obiettivo di alleviare le sofferenze di quella popolazione.
Caritas Cile ha lanciato un piano di emergenza. Il piano prevede un impegno economico di 9,5 milioni di euro, ha una durata di nove mesi a sostegno di 108.416 famiglie (542.000 persone) nelle diocesi di Santiago, Melipilla, Valparaíso, Rancagua, Talca, Linares, Chillan, Concepción, Los Ángeles e Temuco.
Molteplici gli ambiti di impegno: sostegno alimentare, igiene di base e indumenti; centri di accoglienza e abitazioni di emergenza che diventeranno poi definitive; miglioramento delle economie familiari di contadini, pescatori e fasce sociali meno abbienti; attività di ascolto e sostegno psico-sociale, percorsi di accompagnamento comunitari e pastorali;  rafforzamento istituzionale delle reti diocesane; coordinamento con gli altri enti di cooperazione coinvolti.
Dopo questa prima fase verranno messi a punto piani di riabilitazione e di sviluppo a lungo termine.
La Caritas è accanto alla popolazione colpita sin dalle prime ore successive al sisma. Una raccolta di alimenti non deperibili e denaro è stata promossa a nome di tutti i vescovi del Cile. I centri Caritas sono stati mobilitati con il sostegno delle parrocchie. Le comunità cilene sono state invitate a consegnare farina, riso, pasta, latte in polvere, olio nelle parrocchie e negli altri centri di raccolta attivati nelle 5 arcidiocesi e nelle 18 diocesi del Paese. Sono già state distribuite 1.500 tonnellate di alimenti nelle zone di Maule e Bío Bío che sono le più colpite.
Come contribuire
Per contribuire alle attività della Caritas in Cile è possibile recarsi presso la Curia Vescovile in Piazza Duomo, 27 a Crema, oppure effettuando un bonifico bancario con causale “EMERGENZA CILE" sul seguente conto corrente:
Conto Corrente intestato a Diocesi di Crema - Ufficio Caritas IBAN: IT87B030695684100000196010

«Sono sicuro che non verrà a mancare la solidarietà di tanti, in particolare delle organizzazioni ecclesiali».

Con queste parole Benedetto XVI ha sollecitato l'impegno della Chiesa dopo il violento terremoto che sabato 27 febbraio ha colpito il Cile. Solo un mese e mezzo prima, sempre in America Latina, un altro sisma ad Haiti ha causato vittime e danni enormi.

Leggi tutto...

Terremoto Centro Italia: l’intervento della Caritas Lombarda

La Caritas della Lombardia è attiva sul territorio della Diocesi di Rieti dalle ore immediatamente successive alla scossa del 24 agosto 2016. La Delegazione Regionale della Lombardia si è gemellata con la Diocesi di Rieti per il territorio di Amatrice che comprende 26 frazioni per un totale di poco più di 600 persone prima del terremoto.
Il gemellaggio si è sviluppato nelle prime fasi di emergenza continuerà anche in futuro. L’impegno di Caritas si è caratterizzato fin da subito per un lavoro a favore di persone ”normali” che hanno avuto reazioni “normali” dopo un evento critico straordinario come il terremoto.

Leggi tutto...

“Non siete soli” – Volontariato estivo presso le zone terremotate

“Non siete soli” è il progetto promosso da Caritas Lombardia rivolto ai giovani maggiorenni e ad adulti che permetterà di portare supporto alle popolazioni di Amatrice, Borbona e Cittareale (Diocesi di Rieti). La presenza di volontari verrà organizzata su turni settimanali, da sabato a sabato, dall’8 di luglio al 9 di Settembre 2017.

I volontari interessati potranno offrire il loro servizio su tre ambiti:

MINORI, attività previste: gioco, animazione, escursioni, laboratori manuali

ANZIANI, attività previste: ascolto, accompagnamento, piccoli lavori manuali. Per gli ospiti in RSA di Borbona: animazione, laboratori.

FAMIGLIE Attività previste: visite domiciliari, ascolto, accompagnamenti, piccoli lavori manuali.

Leggi tutto...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .

Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento:

  • Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione e migliorare l'esperienza di navigazione dell'Utente;
  • Cookie analytics, che acquisiscono informazioni statistiche sulle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
  • Cookie di funzionalità, anche di terze parti come Google, Facebook, Twitter , Youtube, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.

Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser.

Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito.

Vedi il provvedimento del Garante