"L'uomo che soffre ci appartiene" (GPII)

 



 

TERREMOTO CENTRO ITALIA: LA PRESENZA CARITAS

Risultati immagini per terremoto 24 agosto 2016Dopo il terremoto del 24 agosto la presenza e la prossimità della Chiesa è stata immediata attraverso i vescovi ed i parroci che stanno condividendo con le comunità l’evolversi della situazione. Caritas Italiana è stata da subito accanto alle Caritas locali in collegamento con le delegazioni regionali. La Conferenza Episcopale Italiana ha indetto una colletta nazionale che si è svolta nella giornata di domenica 18 settembre, in concomitanza con il 26° Congresso Eucaristico Nazionale, a sottolineare come l’esito della raccolta sia frutto eucaristico della carità dell’intera Chiesa italiana.

Su tutto il territorio coinvolto Caritas continua a dare risposte a bisogni immediati con attenzione specifica alle fasce più deboli, in particolare anziani e minori, e a verificare percorsi di collaborazione per venire incontro appena possibile alle necessità di strutture temporanee con finalità sociali, pastorali o per attività economico-produttive, tenendo in considerazione le esigenze degli sfollati, le indicazioni di gestione e sicurezza, le ricognizioni e le pianificazioni che i comuni e le regioni interessate stanno facendo.

L’obiettivo ultimo resta quello di accompagnare i tempi lunghi della ricostruzione materiale e spirituale, della ritessitura di relazioni e comunità, del riassorbimento dei traumi sociali e psicologici, del rilancio delle economie locali. È lo “stile Caritas”: restare accanto alle persone colpite dal sisma non con un pacchetto già confezionato di interventi, ma in costante ascolto dei bisogni, nella consapevolezza di un contesto in continuo mutamento.

 

Scarica il Comunicato Stampa di Caritas Italiana

Comunicato Stampa - TERREMOTO CENTRO ITALIA

18 SETTEMBRE: COLLETTA IN TUTTE LE CHIESE

Stanziato 1 milione di euro dall’ 8Xmille dalla C.E.I. 

 

“Caritas Italiana stanzia 100mila euro per i primi interventi a sostegno delle persone colpite dal sisma del 24 agosto. Subito attive le Caritas diocesane e le Delegazioni regionali. Domani il Direttore di Caritas Italiana in visita ai luoghi del terremoto. Solidarietà da parte delle altre Caritas nazionali.” (dal comunicato stampa di Caritas Italiana)

 

Anche la Caritas di Crema si è attivata per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto restando a disposizione della Caritas regionale e nazionale e avviando una raccolta fondi a sostegno della primissima emergenza.

«La rete Caritas segue l’evolversi della situazione ed è attiva sul posto sin dalle prime ore successive al sisma. Ha espresso subito vicinanza e solidarietà alle comunità colpite da questa tragedia – afferma don Francesco Soddu, Direttore di Caritas Italiana -. Abbiamo stanziato una prima cifra di 100mila euro per provvedere alle necessità più impellenti e siamo in costante contatto con le Caritas diocesane di Rieti, Fermo ed Ascoli Piceno per monitorare i bisogni più urgenti, per poi convogliare gli aiuti nelle zone da cui ci provengono le richieste». «In questo momento è fondamentale non intralciare l’azione di primo soccorso coordinata dalla Protezione civile – prosegue don Soddu –. Domani mi recherò nei luoghi colpiti dal sisma per un confronto operativo sugli interventi più immediati e per quelli di medio e lungo periodo. Diverse Caritas diocesane hanno messo a disposizione locali per l’accoglienza degli sfollati e là dove possibile sono vicine ai feriti per un servizio di ascolto, prossimità e prima assistenza».

La Conferenza Episcopale Italiana ha indetto una colletta nazionale per domenica 18 settembre alla quale parteciperà anche la Chiesa cremasca.

In accordo con le Caritas locali e con Caritas Italiana, ribadiamo che:

  • Non sono previste raccolte di viveri, vestiario, suppellettili o altro materiale. Se le diocesi locali esprimeranno dei bisogni particolari, li comunicheremo tempestivamente.
  • Facciamo presente ai numerosi volontari, che hanno manifestato la loro generosa disponibilità per recarsi nei territori colpiti, che in questo momento sarebbero di intralcio all’operato di coloro che stanno ancora lavorando alla ricerca dei dispersi e nel recupero delle vittime. La Caritas di Crema acquisisce comunque tali disponibilità, per eventuali attività di accompagnamento a medio-lungo termine delle comunità.

Le offerte raccolte verranno utilizzate per progetti realizzati insieme alla Caritas regionale e nazionale.

Per ulteriori e costanti informazioni:

 

 www.caritascrema.it                                                                www.caritas.it

 

Per sostenere la raccolta fondi della Caritas diocesana di Crema è possibile donare direttamente nei nostri uffici presso la Curia Vescovile sita in Piazza Duomo, 27 a Crema oppure effettuare un bonifico IBAN: IT05K0335901600100000128448 indicando la causale "TERREMOTO CENTRO ITALIA"

 

TERREMOTO CENTRO ITALIA PC-CRI-CARITAS

Per un aiuto più responsabile

Croce Rossa, Protezione Civile e Caritas sono presenti fin dalle prime ore nei luoghi colpiti dal terremoto che ha devastato il centro Italia. 

In questo momento ci si trova nella prima fase dell’emergenza, quella dedicata ai bisogni sanitari, ai soccorsi, al supporto psicologico, all’estrazione delle vittime dalle macerie, alla costruzione dei campi di accoglienza. A questa fase seguiranno altri momenti dove i bisogni cambieranno e, nel caso, saremo pronti a farci promotori di iniziative cremasche a sostegno dei terremotati.

 

La Croce Rossa di Crema, la Protezione Civile “Lo Sparviere” e la Caritas diocesana stanno rilevando una positiva e crescente generosità nel territorio cremasco che, però, rischia di diventare un intralcio se non coordinata.

Come già ribadito a livello nazionale e con altri comunicati, ricordiamo che in questo momento non sono necessarie raccolte viveri, di vestiti o di generi di prima necessità, come non è necessaria la presenza di nuovi volontari. La gestione dell’emergenza è molto delicata ed occorre essere molto attenti a non intralciarla con iniziative personali e non coordinate.

Invitiamo tutti i cittadini che volessero sostenere questa emergenza ad affidarsi ad organizzazioni che garantiscano la reale finalizzazione dei beni e dei fondi raccolti con tanta generosità sul territorio cremasco.

 

 

www.lo-sparviere.it www.cri.it www.caritascrema.it 

 

Protezione Civile

 

SMS-solidale

45500

 

Croce Rossa Italiana 

 IBAN IT38R0760103000000000900050

 

Causale

"TERREMOTO

CENTRO ITALIA"

 

Caritas diocesana 

IBAN IT05K0335901600100000128448

 

Causale

"TERREMOTO

CENTRO ITALIA"

 

Terremoto Centro Italia

Nella notte del 24 agosto tre violente scosse di terremoto hanno colpito le province di Rieti, Ascoli Piceno, di Perugia e di Fermo, causando un numero imprecisato di morti e di sfollati, danni ingenti e il crollo di numerose abitazioni e di alcune chiese in modo particolare nei centri di Accumoli (Rieti), Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) ed Amatrice (Rieti). 

«Dinanzi alla notizia del terremoto che ha colpito il centro d’Italia - ha detto Papa Francesco questa mattina -, devastando intere zone e lasciando morti e feriti, non posso non esprimere il mio grande dolore e la mia vicinanza a tutte le persone presenti nei luoghi colpiti dalle scosse, a tutte le persone che hanno perso i loro cari e a quelle che ancora si sentono scosse dalla paura e dal terrore». «Vi chiedo di unirvi a me nella preghiera, affinché il Signore Gesù, che si è sempre commosso dinanzi al dolore umano, consoli questi cuori addolorati e doni loro la pace per l’intercessione della Beata Vergine Maria», ha concluso il Pontefice.

«La Chiesa che è in Italia – scrivono in un comunicato i Vescovi italiani - si raccoglie in preghiera per tutte le vittime ed esprime fraterna vicinanza alle popolazioni coinvolte in questo drammatico evento. Le diocesi, la rete delle parrocchie, degli istituti religiosi e delle aggregazioni laicali sono invitate ad alleviare le difficili condizioni in cui le persone sono costrette a vivere». E in conseguenza al sisma la Presidenza della CEI ha disposto l’immediato stanziamento di 1 milione di euro dai fondi dell’otto per mille per far fronte alle prime urgenze e ai bisogni essenziali.

Il Presidente di Caritas Italiana, S.Em. card. Francesco Montenegro, Arcivescovo di Agrigento, e don Francesco Soddu, Direttore di Caritas Italiana, hanno espresso piena solidarietà ai Vescovi delle Diocesi di Fermo, Ascoli Piceno e Rieti assicurando la preghiera per le vittime e le loro famiglie, e il pronto impegno in favore delle persone colpite. Caritas Italiana si è subito attivata con i suoi operatori sul posto per coordinare gli sforzi delle Caritas coinvolte e di quelle che hanno già offerto disponibilità ad intervenire da tutta Italia e anche dall’estero. Solidarietà in tal senso è stata espressa anche da Caritas Internationalis attraverso il suo Segretario Generale Michel Roy. In stretto contatto con i delegati regionali delle Marche e del Lazio, in cui ricadono i principali centri colpiti dal sisma, Caritas Italiana cerca di farsi prossima con il sostegno materiale, valutando in questa prima fase le esigenze che emergono nelle comunità provate dal sisma.

La Presidenza della CEI ha inoltre indetto una colletta nazionale, da tenersi in tutte le Chiese italiane domenica 18 settembre 2016, in concomitanza con il 26° Congresso Eucaristico Nazionale, come frutto della carità che da esso deriva e di partecipazione di tutti ai bisogni concreti delle popolazioni colpite. «Un segno concreto – ha sottolineato don Francesco Soddu – di comunione e di vicinanza delle Chiese che sono in Italia a quanti sono stati colpiti da questa tragedia»

 

 

È possibile contribuire:

  • venendo direttamente presso i nostri uffici di Piazza Duomo, 27 a Crema;
  • effettuare un bonifico bancario su Conto Corrente intestato a Diocesi di Crema - Ufficio Caritas IBAN: IT05K0335901600100000128448 indicando la causale "TERREMOTO CENTRO ITALIA"

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .

Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento:

  • Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione e migliorare l'esperienza di navigazione dell'Utente;
  • Cookie analytics, che acquisiscono informazioni statistiche sulle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
  • Cookie di funzionalità, anche di terze parti come Google, Facebook, Twitter , Youtube, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.

Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser.

Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito.

Vedi il provvedimento del Garante